giovedì 13 dicembre 2012

Frollini Cioccolato e Mandorla senz'uovo



Giornate frenetiche per me, come è normale che sia nel periodo che precede le feste, fortunatamente riesco di tanto in tanto a ritagliarmi il tempo per fare qualche sperimentazione...

Oltre al tentativo (al momento vano) di riattivare un lievito madre polverizzato e messo al fresco mesi fa), ci sono stati anche questi biscotti, nati dall'esigenza di recuperare la rimanenza di un paio di ingredienti, ovvero della panna e della pasta o meglio "crema" di mandorle,


cioè mandorle tritate e raffinate finemente finché diventano una pasta oleosa, quella che uso di solito come ingrediente per lo strato bianco dei cremini.

Un ingrediente che da me non manca mai ovviamente è il cioccolato fondente che per il suo contenuto armonico di grassi, zuccheri e materia secca è sempre un ottimo jolly per bilanciare una ricetta e dare un contributo di gusto che si sposa bene con tutto.

Cosa c'è di meglio quindi che farne dei biscotti al cioccolato?

Così questa ricetta mia originale, come molte altre volte, è nata da 10' di calcoli attorno ad una tabellina su un foglio di carta, simile in tutto e per tutto a quella che si stila quando si calcola il bilanciamento della ricetta di un gelato.

Lo scopo voleva essere quello di ottenere un impasto avente la stessa dolcezza, friabilità, consistenza e malleabilità di una pasta frolla, difatti oltre che per farne dei biscotti la ricetta si presta anche come fondo per tartellette, crostate etc...

La differenza sostanziale è che in questo caso non c'è bisogno di uovo per legare, la presenza della panna introduce già il quantitativo di acqua previsto in questo tipo di frolla, difatti spesso le paste friabili ricche di grassi vengono "legate" semplicemente con poco albume.
Per quanto riguarda i grassi invece al posto del burro ho tenuto conto dei rispettivi apporti lipidici di panna, mandorla e cioccolato, idem per gli zuccheri, considerando quello contenuto sempre nel cioccolato.

Il risultato è stato più che soddisfacente e così aspettando condizioni di luce propizie (meno male che oggi è già il giorno più corto che ci sia...) sono riuscito pure a pubblicare!


Ingredienti
Panna 150 gr
Mandorle raffinate in pasta 150 gr
Cioccolato fondente 64% 250 gr
Zucchero a velo 100 gr
Farina 00 150 gr
Fecola di patate 100 gr

Per decorare (facoltativo)
Fondente di zucchero


Procedimento
Preparare e pesare gli ingredienti: tritare il cioccolato, setacciare assieme farina e fecola, riemulsionare se necessario le mandorle raffinate.

Scaldare la panna e scioglierci il cioccolato fondente mescolando con una frusta, incorporarci poi la crema raffinata di mandorle.

Una volta ottenuto un composto omogeneo incorporare anche lo zucchero a velo.

Lasciar raffreddare un po' ed aggiungere infine le farine miscelate mescolando con una spatola fino ad ottenere una pasta uniforme che non rilasci untuosità,


se necessario raffreddare pochi minuti in congelatore e riprendere poi ad impastare.


Stendere l'impasto dandogli forma piatta rettangolare su pellicola, sigillare e porre in frigo fino al giorno successivo.

L'indomani riprendere la pasta, ammorbidirla fino a renderla di nuovo malleabile e stenderla col mattarello sul piano infarinato a 4-5 mm di spessore.

Tagliare col coppapasta i biscotti


 e metterli su teglie coperte di carta forno.



Cuocere a 160° per 15' circa, quindi sfornare e mettere su una griglia a raffreddare.

Facoltativamente glassare con fondente di zucchero e lasciar asciugare.

Conservare chiusi in una scatola.

Buona giornata e (spero) a presto!

40 commenti:

  1. Mi piace quando ti metti a tavolino con carta e penna, cercando di bilanciare ingredienti e dosi.

    Mi piace poi come hai ottenuto il giusto equilibrio partendo dal fatto che burro e uova, in questa frolla, non ci dovevano essere.

    Sei un grande, e sai che non è un complimento buttatto là, ma è pensato. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarà perché entrambi veniamo da una formazione "scientifica"! ;-)

      Ho notato che invece quando pubblico ricette "sperimentali" la maggior parte dei miei lettori rimane un po' interdetta e non commenta...

      Per me vale il detto "Chi non tenta non inventa" ;-D

      Grazie per la tua visita e a presto!

      Elimina
    2. a Roma si dice: "chi non risica non rosica", ma è un'altra cosa!
      :D :D :D

      Elimina
    3. Eh si, dipende dal senso che vogliamo dare a "rosica"... ;-D

      Elimina
    4. Bravo! Vedo che hai capito l'antifona! ;)

      Elimina
  2. grandiosi, mi stampo la ricetta.immagino davvero la frenesia di queste tue giornate.un bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucia, grazie! Non che il resto dell'anno sia poi così diverso, ma in questo periodo diventa tutto più difficile!

      Bacioni a te e famiglia!!

      Elimina
    2. Ah, dimenticavo: buon onomastico!!! ;-DDD

      Elimina
  3. La tua genialità mi stupisce sempre! Quanto mi piacerebbe saper "studiare" una ricetta anche su una base teorica...
    Buon lavoro prenatalizio!

    Alice
    operazionefrittomisto.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice!
      Fortunatamente in passato ho studiato la matematica e la chimica, ma mai avrei pensato che mi ci sarei divertito in questo modo... ;-)
      Grazie e buona giornata!

      Elimina
  4. sarei curiosa di assaggiarne uno..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto posso descrivertelo... sanno molto di cioccolato e sono leggeri e friabili... ho reso l'idea? ;-D
      Grazie per il tuo messaggio, buon pomeriggio!

      Elimina
  5. Oh bene, mi accomodo e prendo un biscotto! Complimenti! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma anche due!!
      Grazie dei complimenti e a presto!

      Elimina
  6. Non c'è niente da fare, in fondo in fondo, siamo tecnici dentro, noi!
    Ma poi, i risultati fanno bene all'anima!
    ;-)

    RispondiElimina
  7. non avevo visto il commento dello zio.. ecco, scientifici mi suona pure meglio!
    un salutone!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Facciamo che siamo tecnico/scientifici e non se ne parla più! ahahahah ;-D
      Grazie Gaia, baci a te e famiglia!

      Elimina
  8. sei uno scienziato cioccolattoso ^__^
    sempre con ottimi risultati..
    baci da lia
    p.s. come e andato la visita a roma?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, della mia gita a Roma credo che leggerai presto sul blog di un romano "a caso" che conosciamo tutti e due! ;-)))

      Intanto posso dirti che ho trascorso una giornata spensierata e piacevolissima in eccellente compagnia in una città che mi incanta ogni volta di più!

      Grazie e bacioni a te!

      Elimina
  9. non avevo dubbi sulla giornata trascorsa bene in ottima compagnia :)
    attenterò allora il post del romano ;)
    lia

    RispondiElimina
  10. che bella ricetta, la copio, voglio provarla, ciao felice giornata!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Mi auguro ti piacerà :-)
      Felice giornata anche a te!

      Elimina
  11. Quando vedo color cioccolato mi viene subito l'acquolina e questi biscotti sono di quelli che mangerei in una sola serata davanti alla tv!!! Pericolosissimi e quindi.... assolutamente da provare!!! Teresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Teresa!
      Ti racconto questa: li avevo nascosti per poter fare le foto con calma il giorno dopo.... li hanno trovati dall'odore!!! E li hanno praticamente dimezzati!! :-DDD

      P.S.: per le "Mozartkugeln" non mi sono dimenticato, ti prego solo di pazientare ancora un po'... ;-D
      Ciao!

      Elimina
  12. Una ricettina arrivata al momento giusto !!! Per Natale farò il pieno di nipoti , e la prima cosa che fanno quando arrivano è quella di aprire " l'armadio dei biscotti " ....Questi mi sembrano mooolto
    adatti !!!!
    Auguri di buone feste a te e famiglia
    Ruli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunati i nipotini!! Immagino a quali delizie li hai abituati! :-)

      Ti faccio anch'io gli auguri di buone feste anche se mi auguro nel frattempo arrivino altre occasioni per rifarseli ;-D

      Elimina
  13. Buoniiiiiiiiiiiiii....li proverò subito! Mi sono unita ai tuoi lettori se ti va passa a trovanmi e unisciti ai miei:www.cookeryaddicted.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per l'invito Paoletta!
      Mi auguro quando li provi ti piacciano! :-D
      Ciao!

      Elimina
  14. ottimi mi piacciono....ho preso appunti e provo.....leltue ricette innovative sono sempre una gradevole sorpresa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maria! Mi auguro di poterti sempre stupire! ;-)
      Buon pomeriggio

      Elimina
  15. Sempre piu' scientifico!!! Ammiro moltissimo le tue preparazioni e piano piano mi ci voglio avvicinare! Anzi, continuo dai biscotti....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già riguardando indietro mi accorgo che ricette di biscotti ne ho pubblicate un bel po'!
      Un grazie speciale come sempre!
      Buona giornata

      Elimina
  16. Ecco un approccio, quello scientifico, intendo, che non considero abitualmente... :)
    però ora prendo appunti!
    Questi biscotti li provo di sicuro, gli ingredienti sono deliziosi, complimenti per l'accostamento.
    Mi fa piacere seguirti, a presto.
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Sandra, ho fatto quel che si dice "di necessità virtù"! ;-)
      Il piacere è tutto mio! :-D
      Buona giornata

      Elimina
  17. deliziosi è dir poco,questi biscotti,Nanni^;*sara' difficile trovare le mandorle raffinate in pasta..vabbe'..:)se non dovessimo rileggerci,ti auguro buon lavoro e felicissime feste^;*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisabetta!
      Un abbraccio e buone feste anche a te!!

      Elimina
  18. che bei frollini al cioccolato è una bella ricetta per farli senza le uova, tanti auguri di buon Natale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Guenther, grazie!
      Auguri di buone feste e a presto!

      Elimina

Lettori fissi

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.
QUESTO BLOG NON RAPPRESENTA UNA TESTATA GIORNALISTICA, IN QUANTO VIENE AGGIORNATO SENZA ALCUNA PERIODICITÀ. PERTANTO, NON PUÒ CONSIDERARSI UN PRODOTTO EDITORIALE AI SENSI DELLA LEGGE N° 62 DEL 7/03/2001